Sergio Marchionne: cambiò le sorti della FIAT e dei diritti dei lavoratori

Tutti giornalisti, tutte le foto tirate fuori dal cassetto con "Il Sergio". Quanta dietrologia e politica del "carro vincente" in un momento in cui un R.I.P. valeva cento frasi. R.I.P. Sergio!


Un uomo che ha fatto molto e bene per la FIAT (leggesi Agnelli),  ma non ha fatto solo bene.


Ho pensato parecchio se fregarmene di quello che ho letto, ma non ce l'ho fatta. Brucia dentro di me l'idea che risultati aziendalmente eclatanti siano considerati senza tener conto delle persone e dei costi sociali e non, che si sono subiti. Ecco le due immagini, tra le più gettonate il giorno della morte di Sergio Marchionne. Criticatissima quella del "Manifesto". Posso dire che il Manifesto almeno dichiara di essere un giornale di partito (ma lo è ancora?), al contrario di tutti coloro che hanno pubblicato post radical chic inondando il web. 


Ora, non è mia intenzione nè dettagliare, nè criticare la storia incredibilmente potente dal punto di vista manageriale di Marchionne ed è mi intenzione rispettare la sua vita personale. Intendo solo elencare alcuni punti di riflessione e di chi ha tratto vantaggio del suo intervento in Fiat succedutosi, se ricordo bene, a quello in Philip Morris. Insomma parliamo con i fatti!

  • La Fiat si risolleva dopo anni bui (pro Agnelli) 
  • Il costo sociale in Italia è di quasi 100mila dismessi (pro Agnelli minus Stato e di circa 100mila operai)
  • In Italia ed anche in America, Marchionne riesce ad ottenere dei contratti capestro con gli operai, oppure "vado da un'altra parte a produrre" (pro Agnelli minus operai)
  • Anche in America Marchionne ottiene un prestito da Obama (pro Agnelli, come in Italia solo che là probabilmente i soldi li dovranno restituire. E pro America)
  • La Fiat diventa AngloOlandese (pro Agnelli costo sociale mancato gettito fiscale per l'Italia)
  • E' stato congruente (quasi sempre): non ha dichiarato che principalmente facesse tutto per gli operai o per salvare l'Italianità dell'azienda.

E' tempo che non mi interesso attivamente alla politica per cui ho vissuto un poco super partes tutto quello che Marchionne ha fatto e cavoli, non ho trovato solo cose buone.
Tempo addietro parlando con un politico, mi disse che

Business, Coaching e vita felice: ce la si può fare!

 Mi è stato chiesto se logo della mia attività ha un significato. Ed ecco una foto che lo spiega. Mi è stato anche chiesto: ma cosa centra con il business e il coaching?  Mah, prova a pensare che i più grandi personaggi di una volta utilizzavano alcune tecniche, a volte segrete, per essere superiori
CONTINUA A LEGGERE...
 �� Business, Coaching e vita felice: ce la si può fare! ��:


SIMBOLISMO ALCHEMICO: seminario on line

COME ACCEDERE AI TUOI
LIVELLI DI ENERGIA INESPLORATA PER
MIGLIORAMENTO PERSONALE E PERFORMANCE

SEMINARIO ON LINE 
PIATTAFORMA WEB DAL TUO PC



ABSTRACT
In noi c'è una quantità incredibile di energia da utilizzare per fare "un salto" incredibile nella qualità della propria vita.

Diverse volte ho spiegato come l'evoluzione personale non può basarsi solo su visioni parziali. L'alchimia classica è una potente filosofia spesso tramandata in modo complicato e malauguratamente sottostimata rispetto alle filosofie orientali.

Da un un certo punto di vista è anche vero della complessità alche-mica e si possono comunque acquisire livelli di consapevolezza, energia e vitalità incredibili, reiterando esercizi in verità molto semplici e a volte tenuti segreti.

Basta sapere quali sono, come agiscono e da quali partire secondo il proprio momento di vità.
Ciò che saprai fare al termine del seminario on line ti porterà, in tempi brevi di pratica, a livelli espansi di capacità, con i quali non avevi ancora avuto a che fare.

Il seminario si ripeterà a date da decidersi e puoi già da ora chiedere informazioni sulle prossime edizioni.


Il Tempo Ciclico ed il Coaching: 3 ed ultima puntata

Il così detto "Tempo ciclico" può costituire valida alternativa alla programmazione lineare?


Se il latino, lineare attivo, ed il latino multiattivo pensano di gestire il tempo nel modo migliore possibile, in alcune culture orientali, l'adattamento dell'uomo al tempo è visto come un'alternativa di programmazione valida.


In queste culture orientali, il tempo nella programmazione, non viene considerato né come lineare né correlato all'evento, ma come ciclico. Ogni giorno il sole sorge e tramonta e così la luna, le stagioni si susseguono, i corpi celesti ruotano intorno a noi, le persone invecchiano e muoiono, ma i loro figli ricostituiscono il processo. Questo ciclo va avanti da più di 100.000 anni.

In Oriente, il tempo è una merce abbondante nel corso degli eventi!

Sembra sempre che ci sia un'offerta illimitata nel dopo ora. Il concetto si ritrova

IL COACHING: differenti visioni del tempo e relazioni difficoltose

La visione del tempo ATTIVA e quella MULTI-ATTIVA. Differenze tra visione Est/Ovest. Conseguenze pratiche ed interventi di Coaching


Ebbene si, possiamo affermare che gli europei meridionali sono più attivi dei settentrionali! Ma in che senso?


Nel senso che invece di essere attivi a livello lineare, ovvero più cose della stessa specie fatte nel lasso di tempo considerato, allo stesso tempo si occupano di più attività. Tanto riescono più in questa vision, tanto più si si sentono felici e soddisfatti. La differente visione, non è tanto di riempire il contenitore "tempo" ma di riempirlo di cose differenti ed  organizzano il loro tempo (e la vita) in modo completamente diverso dagli americani, dai tedeschi e dagli svizzeri.

Ho spesso parlato al telefono con colleghe e di rara professionalità mentre: cucinavano, badavano al bimbo, magari piccino, e leggevano con le email.

Qualcuna ha poi sporcato con la salsa il pc, ma questo è secondario, non per battuta, ma davvero!

I popoli multiattivi non sono molto interessati agli orari e alla puntualità, li prendono come punti di riferimento non vincolanti. Anche se un partner o un collega con visione lineare insiste, considerano la realtà nel momento, più importante degli appuntamenti. La priorità nella loro visione è data al relativo, all'emozione e/o significato di ogni riunione.

Gli spagnoli, gli italiani e gli arabi ignoreranno il passare del tempo se comporta il lasciare le conversazioni incompiute. Per loro, completare una transazione umana è il modo migliore per investire il proprio tempo. Per un'italiana, le considerazioni del tempo saranno mediamente collegate alla percezione dei sentimenti e delle sensazioni.

ESEMPIO:
"Perché sei così arrabbiato sono arrivata alle 9:15?" Chiede al suo collega tedesco.
"Perché nel mio diario ho scritto alle 9:00", dice il tedesco.
"Allora perché non scrivi le 9:15 così siamo felici tutti e due?"

È una risposta logica, ma italiana. Le attività che dobbiamo fare e le nostre

Gianluca Vacchi: un genio nato nel posto sbagliato

Le diverse modalità di vivere il tempo 

cambiano la visione della tua vita?


Per come vivi il tempo, potresti definirti Americano, Cinese, Spagnolo, Tedesco o Malgascio? Probabilmente questi articoli, due o tre, saranno di notevole interesse per chi ha relazioni INTERNAZIONALI e molto simpatici ed utili anche per gli altri.


#Coaching #MasterIpnoCoaching #Hypnosis #PensieroQuantistico #InternationalQuantumTiming

Tenere presente le caratteristiche di come si vive la vita, potrebbe salvare un contratto o una relazione amorosa e sapere che, forse, il problema di Gianluca Vacchi è quello di essere nato nella parte sbagliata del mondo. 😅 😅

E' parecchio che non scrivo post seriosi ;) per cui colmo il vuoto con una serie di articoli che sono poi le dispense delle conferenze on line del Seminario #ILPENSIEROQUANTISTICO, collegando la visione del tempo alla geolocalizzazione.
Ebbene si, perchè anche se tutti ne siamo coscienti, non sempre teniamo presente che la #relativitàdeltempo è differente in diverse parti della terra e comporta dei problemi relazionali tra culture diverse, confinanti e con le quali potremmo avere relazioni e difficoltà non indifferenti anche nel #Business.

Il tempo è visto diversamente dalle culture orientali e occidentali, e anche all'interno di questi raggruppamenti assume aspetti piuttosto dissimili da paese a paese.
Nell'emisfero occidentale, gli Stati Uniti e il Messico interpretano il tempo in modi così diametralmente opposti che provoca intense incompatibilità tra i due popoli.
Nell'Europa occidentale, per esempio, l'atteggiamento svizzero nel tempo ha poco rapporto con quello dell'Italia vicina. Vero è che preferisco il Tilo, quando mi devo spostare, a Trenord. Il Tilo è un treno che percorre la tratta tra Milano e Bellinzona e difficilmente arriva con 2’ di ritardo!
I thailandesi non valutano il passare del tempo nello stesso modo in cui lo fanno i giapponesi. In Gran Bretagna il futuro si estende davanti a te. In Madagascar invece il futuro è indecifrabile e quindi posto dietro la testa.

PRIMA PUNTATA: